Bam

Potëmkin Villages o Dell’architettura Dentro

Consulto di idee ad inviti “B.A.M. Borghi Alti di Mare nella Città Adriatica”
Promosso da: Provincia di Ascoli Piceno e altre istituzioni

Alberto Bertagna, Sara Marini
con
Giovanni Carli, Daniele Franzi, Riccardo Miotto, Venetia Nikitea

2008-BAM

Elegia ad una architettura assente
Abbiamo speso il nostro tempo a presentarci sulla scena.
In ordine sparso abbiamo sedotto e abbiamo perturbato.
Di fronte ad una comunità inoperosa e senza tracce abbiamo seguito le orme di Palladio,
poi abbiamo fatto un passo indietro
e abbiamo taciuto…
Abbiamo fatto progetti di crisi, abbiamo decostruito, abbiamo disgiunto, abbiamo piegato,
abbiamo ibridato, abbiamo elementarizzato.
Abbiamo spinto oltre il limite quello che era un semplice andare verso:
in fondo avevamo buone intenzioni.
Abbiamo messo la società sotto assedio, lasciando il cittadino globale alla sua solitudine.
Poi siamo stati presi in contropiede. Il sex appeal dell’inorganico ci ha sostituiti.
Abbiamo accettato di ridurci al grado zero, di proporci senza contenuto.
E oggi viviamo uno stato di eccezione.
Ciò che resta del fuoco è ora poco.
Care architetture, questi sono solo frammenti di un discorso amoroso.
Care architetture, da oggi non sarete più nude sulla scena.
Care architetture, da oggi non simulerete più una vostra presenza.
Care architetture: da oggi sarete Dentro!
Potëmkin villages,
Voi specchi di una realtà che non esiste,
di un tempo mai trascorso,
di una pièce solo scritta.
Potëmkin villages, Caterina non passerà sul Mare Adriatico come sul Dnieper, ma molti altri invece si fermeranno presso di voi. Siete pronti per la contemporaneità? Badate che una statua non vi schiacci!
Potëmkin villages: anche per voi avverrà la caduta nel tempo!
Potëmkin villages: siete la maschera della verità!